Friday, May 29, 2009

la mia formica

ho una formica.
una formica tutta mia.
dedicata a me.
la formica lucia.
darwin è passato alla storia per quattro fringuelli (....), linneo per 4 erbacce spiccicate tra 2 fogli, io passerò alla storia per la formica lucia.

il prossimo obiettivo è rilasciare una intervista a quark.

Monday, May 18, 2009

il condor delle Ande

Arrivo in banchina già sudata, che fa un caldo infernale.
Sento cadermi in testa qualcosa di viscido.
Un passero ha fatto centro… non solo sui capelli ma anche sulla maglietta.
Vado ai bagni del marina, mi tolgo la maglietta e cerco di lavarla. Dalle dimensioni del disastro mi sa che non era un passero ma un condor delle Ande. Con il sapone rosa che esce dal dispenser gia’ che ci sono mi faccio un mezzo shampoo prima che la cacca faccia reazione con la tinta e chissà poi cosa mi ritrovo in testa.
Torno in banchina con in mano la maglietta bagnata, indossando un reggiseno tezenis da 5 euro e i jeans arrotolati a mezza gamba.
La ciccia straborda senza alcun pudore fuori dai jeans.
Salgo sul Kiwi che, dimenticato dagli umani per tutto l’inverno, è stato colonizzato dai ragni.
Tolgo un paio di ragnatele con la faccia.
Puliamo la barca, armiamo randa, lazy bag e genoa avvolgibile, scotte scottine e scottacce.
Fa caldo.
Sudata e sudicia.
Il sole picchia e la mia pelle mozzarella diventa pelle di peperone rosso alla griglia.
Sudata, sudicia, bruciacchiata.

E arriva lei.
Bionda.
Abbronzatissima.
Magrissima.
Con un abitino just cavalli e i sandali con il tacco 12.
Sale sul motoscafo di fianco al Kiwi e si spoglia per prendere il sole nel suo micro-micro-micro-kini.


Lo ammetto: ho pregato che il condor delle Ande passasse sopra a quel motoscafo

Wednesday, May 13, 2009

ITA 1























pic marco pomi

Al Portofino Rolex Trophy il primo contender italiano esposto tra le barche d'epoca.

Elegantissimo.

Tuesday, May 12, 2009

...

buon compleanno amore mio!



Monday, May 11, 2009

Karta








Karta è una bella orangona di 62kg che vive, suo malgrado, nello zoo di Adelaide in Australia.

stufa della sua prigione ha architettato una fuga quasi perfetta: ha causato un corto circuito che ha messo KO la rete elettrificata del suo recinto, è poi riuscita ad arrampicarsi in cima al recinto per poi decidere di non scappare. chissa' cosa ha pensato una volta raggiunta la sommita' del recinto...
sapevo che gli oranghi hanno il 97% del genoma uguale al nostro, sapevo che hanno la dieta uguale alla mia, ma solo oggi mi sono accorta che abbiamo lo stesso colore di capelli :-)

Wednesday, May 6, 2009

Windy Bracciano 2008

per Carlo, il nostro posaboe

magic box mini challenge


"...Il nostro Lago appare un poco come un piccolo mare nel quale sfide, imprese, capacità, velocità e divertimento si esplicano; un piccolo mare per misurarsi. Sulla scia delle traversate oceaniche, ho definito un percorso tra due punti fissi nel quale ognuno possa cimentarsi con sè stesso o con il mondo, in piena autonomia e gestione.
Il percorso unisce idealmente il Golfo di Desenzano con quello di Padenghe e va a scavalcare il piccolo promontorio della Punta del Vò con le sue secche, il basso fondale e le insidie delle roccette emergenti..."

il record attuale è detenuto da Steven ed è di 15'04'' che per uno snipe corrispondono a 1016'' (17').

mission impossible.





pizza o massaggio

desiderate massaggino rilassante?
vi occorre una mano per impastare la pizza?

bebert è il gattino che fa al caso vostro!

Tuesday, May 5, 2009

nazionale snipe bracciano

premettendo che bracciano è un posto da favola, planet sail è il giardino dell'eden delle derive, e che apprezzo tutti gli sforzi di chi collabora spesso a titolo gratuito (organizzatori, posaboe, giuria, ragazzo che ti prende il carrellino di alaggio quando scendi in acqua.....) alla buona riuscita di una regata, ma un comitato di regata cosi' inadeguato io non l'avevo mai visto. questo comitato di regata mi ha fatto sentire presa in giro. le regate sono divertimento, ma sono anche impegno, soldi spesi, permessi di lavoro supplicati, km macinati, allenamenti sudati. un comitato di regata dovrebbe avere rispetto per i regatanti e cercare di fare svolgere le regate nel rispetto delle regole.

se la partenza della regata è stabilita a una certa ora e c'e' un vento stupendo si esce all'orario stabilito e si regata, non si aspetta che il vento sparisca per uscire;

se quando ci si degna ad uscire non c'e' vento si issa l'intelligenza;

se il vento fa salti degni di bubka la regata va annullata;

se c'e' un ocs va segnato in classifica e l'issata della X si accompagna con UN segnale sonoro, non due!

se il vento è la' non si da' la partenza qua;

se il percorso è diverso da quanto scritto nelle istruzioni va fatto un comunicato prima dell'inizio delle regate e non dopo;

si sta attenti allo svolgimento della regata e non ci si deve confondere tra il primo e l'ultimo...


non pretendo che tutti siano dei fabio barrasso, ma il minimo sindacale lo pretendo.

detto questo, possiamo parlare d'altro
ad esempio che ci hanno bucato la prua entrandoci mure a sinistra in boa

una trasferta interessante eh? :-)

bhe' interessante lo è stata davvero: ho rivisto con immenso piacere mara (una delle mie compagne di avventura sull'asso99) che insieme a pietro ha vinto la regata, ho conosciuto i compari turiddu della blogosfera spinara (lui e lui), ho rivisto silvia che non vedevo dal suo trasferimento a roma, e ho rivisto michele postinghel che dopo 2 giorni di meditazione si è ricordato di averci gia' conosciuti e che ha scattato delle foto meravigliose che potete vedere qui http://www.emmepifotovela.com/ (galleria vela, ma gia' che ci siete potete fare un giretto a curiosare tra le altre foto)


















fricolo, molto provato dalla trasferta, al calduccio sotto le chiappe di Panterinho Nero